130 partecipanti, un sala gremita di medici, infermieri, operatori sanitari per il corso “Salute e Migrazione: curare e prendersi cura” che abbiamo organizzato in ambito del Festival della Cooperazione Internazionale a Ostuni.
Un grande successo per Sanità di Frontiera, che conferma l’interesse e la sensibilità del mondo sanitario verso i temi legati ai fenomeni migratori. Un interesse professionale ma anche, e soprattutto, umano.

Il Festival, giunto alla sua III edizione, è un vero e proprio contenitore di eventi, incontri e momenti che attraversano la Puglia per 7 lunghi giorni, offrendo e invitando il pubblico ad un cambiamento di pensiero, di linguaggio, sull’immigrazione e sul mondo, vicino e lontano. Una partnership che non poteva che essere ideale per Sanità di Frontiera, che da sempre ha tra i suoi obiettivi quello di contribuire a ad un cambiamento culturale sulla migrazione, rompendo quel linguaggio pregno di disinformazione che da troppo permea la nostra società.